ESCURSIONI

santuario di san romedio

trentino-alto-adige-escursioni-san-romedio

Il santuario di San Romedio è una perla della Val di Non invidiata in tutta Europa. Costruito in onore dell’eremita San Romedio, il santuario si erge su una roccia alta 70 metri completamente immersa tra le montagne boscose della Val di Non.

Ma come puoi raggiungere il santuario di San Romedio per abbinare la visita dell’edificio al panorama mozzafiato che lo circonda?

Continua a leggere per scoprirlo.

COME RAGGIUNGERLO A PIEDI?

Se già da queste prime righe stai trattenendo il fiato e stai viaggiando con la mente in questo scenario magico, aspetta di scoprire la meravigliosa passeggiata di San Romedio: una camminata di 2.7 km lungo un sentiero completamente scavato nella roccia che parte dal paese di Sanzeno.

Il percorso è adatto a tutti: sia a chi cerca un sentiero caratteristico e avventuroso, sia a coloro che preferiscono una passeggiata più tranquilla mentre ammirano il panorama sottostante. Il percorso è prevalentemente pianeggiante, escluso il tratto finale: la passeggiata si conclude infatti con l’ultimissima “fatica” prima di giungere finalmente al santuario di San Romedio.

COME RAGGIUNGERLO IN MOTO?

Questa suggestiva passeggiata non è il solo modo che hai per raggiungere il santuario di San Romedio: parallelamente, infatti, si snoda una bellissima strada asfaltata adatta a tutti gli appassionati di motociclismo.

Percorrendo questa strada ti sentirai coccolato e protetto dalle montagne circostanti e accompagnato dal piacevole scroscio del rio San Romedio.

Alla fine del percorso ti ritroverai al parcheggio esattamente ai piedi del santuario.

COME RAGGIUNGERLO IN AUTOBUS?

All’inizio della camminata è presente un ampio parcheggio per automobili e autobus.

Se siete un gruppo organizzato vi consigliamo di lasciare l’autobus nel parcheggio e proseguire a piedi fino al santuario attraverso il sentiero scavato nella roccia.

CASTEL THUN

trentino-alto-adige-escursioni-castel-thun

Un’altra perla trentina è il famosissimo Castel Thun. Molto apprezzato per l’ottimo stato di conservazione della sua struttura e dei suoi interni, Castel Thun è un complesso di torri, mura e fortificazioni che si erge su una collina e domina la Val di Non.

All’interno il castello è completamente arredato per permettere al visitatore di fare un salto all’indietro nel tempo e immedesimarsi nella quotidianità di chi ci dimorava. I numerosissimi dipinti arricchiscono gli interni e rendono Castel Thun un vero e proprio museo.

Se siete amanti delle fotografie, Castel Thun e offre una vista panoramica a 360° della Val di Non, tanto che Michelangelo Antonioni lo scelse come set di alcune scene del film Il mistero di Oberwald.

COME RAGGIUNGERE CASTEL THUN?

Castel Thun si trova nel comune di Vigo di Ton e può essere raggiunto comodamente in macchina.

È infatti presente un parcheggio a pagamento ai piedi del castello, che è poi raggiungibile in soli 5 minuti a piedi.

APERTURE E ORARI

Dal 1° maggio al 7 novembre Castel Thun è aperto da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00.

CASTELLO DI SALORNO

trentino-alto-adige-escursioni-castello-di-salorno

Arroccato su uno spuntone roccioso, il Castello di Salorno (in tedesco Haderburg) domina tutto il paese dall’alto, integrandosi alla perfezione nello scenario montuoso in cui si trova.

Risalente all’epoca medievale, il Castello ha un valore fortemente simbolico: sembra stare lì a ricordare a viaggiatori e visitatori che stanno varcando il confine che separa la cultura italiana da quella tedesca.

Il Castello oggi è disabitato, ma ospita l’osteria medievale zum 18. Fass.

COME RAGGIUNGERLO?

Il Castello di Salorno si può raggiungere percorrendo a piedi il suggestivo “Sentiero delle Visioni”. 

Sia durante i 20 minuti di percorso, sia una volta arrivati in cima, vi assicuriamo che il panorama non vi lascerà affatto delusi!

Museo Archeologico dell'Alto Adige

trentino-alto-adige-escursioni-museo-archeologico

A Bolzano ha sede il Museo Archeologico dell’Alto Adige, che ospita numerosi reperti storici a partire dal Paleolitico, fino all’Alto Medioevo.

Il pezzo più famoso della mostra è Ötzi, un essere umano di sesso maschile risalente all’età del rame, i cui resti furono ritrovati in ottimo stato di conservazione all’interno del ghiacciaio del Similaun, al confine tra Italia e Austria.

Una curiosità: Ötzi è considerato il primo essere umano tatuato della storia. Sul suo corpo, infatti, si trovano ben 61 tatuaggi!

COME RAGGIUNGERLO?

Il museo si trova in centro a Bolzano in via Museo 43. Partendo da Salorno ti consigliamo di percorrere il tratto di A22 dal casello di Ora-Egna fino a quello di Bolzano sud, per poi raggiungere il centro.